ANMIG Sezione di Varese
 

chi siamo

Definizioni
A.N.M.I.G. significa "Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi di Guerra". L'Anmig nazionale ha sede a Roma, e quella di Varese è una sezione provinciale. La Fondazione raggruppa figli, nipoti e pronipoti dei vecchi soci Anmig.


Gli scopi
La sezione di Varese, inserita nel contesto di città e paesi della provincia e forte dei contenuti degli statuti di Anmig e di Fondazione per i quali opera, intende svolgere un ruolo di primo piano nella società sostenendo iniziative culturali, sportive e sociali attraverso la collaborazione con enti, associazioni e privati, rivolte alla popolazione, e soprattutto ai giovani.
Oltre ai soci anziani, secondo lo statuto nazionale possono iscriversi all’Anmig i loro figli, nipoti e pronipoti.
La sezione di Varese intende aprire anche un registro di iscrizioni per “simpatizzanti”.

loghi e imboli Anmig

I valori, la storia, il presente e il futuro
Una convinzione: le parole di pace più autorevoli sono quelle di chi ha vissuto sulla propria pelle le sofferenze e le assurdità della guerra. Per questo motivo, per noi che abbiamo avuto la fortuna di vivere nella pace, sono fondamentali le testimonianze di chi ci ha preceduto. C'è chi dice che oggi non ci sono più i valori di una volta. In realtà i valori non muoiono mai. Altrimenti non sarebbero valori. Nostro compito, quello delle nuove generazioni, è capire.
È un’esigenza antica, nata con l’uomo. Difficile poterlo fare senza lo studio, l’approfondimento, il rispetto delle idee altrui. E in più la collaborazione, il confronto,e la promozione sociale.

La storia dei padri
La Fondazione che riunisce figli, nipoti e pronipoti di mutilati e invalidi di guerra, avrebbe dovuto sorgere prima, per avere adesso idee più chiare sulla propria identità. In tanti anni di frequentazione, nella sede cittadina (...)
(leggi l'articolo di Fiorenzo Croci) >>


    La sede Anmig di Varese    

 

> Chi sono mutilati e invalidi di guerra

> Statuto dell'ANMIG

> Statuto della Fondazione

> La Sezione di Varese

> La storia dei padri